Tempio di San Biagio e Pienza

1 marzo 1GG
Categoria:
  • montepulciano-3112862_1920
  • well-672021_1920
  • pienza-509194_1920
  • montepulciano-509193_1920

Pienza, la città di Pio. Questa amena cittadina situata nel cuore della Val D’Orcia, vicino Siena, in Toscana, è considerata l’incarnazione dell’utopia rinascimentale della città ideale. Ottenuto il riconoscimento di sito Unesco nel 1996, ancora oggi comunica al mondo i canoni urbanistici del Rinascimento per l’organizzazione razionale degli spazi e delle prospettive di piazze e palazzi cinquecenteschi. Visiteremo poi un altro capolavoro del cinquecento, il tempio di San Biagio, edificato da Antonio da Sangallo .

Programma di viaggio

Ritrovo dei partecipanti e partenza per Pienza e all’arrivo visita guidata del centro più celebre della Val d’Orcia, nota come la città di Papa Pio II, al secolo Enea Silvio Piccolomini, che qui nacque nel 1405. Pio II, una volta divenuto Papa, volle trasformare il suo umile paese natale, Corsignano, in un gioiello urbanistico-architettonico, contrapponendolo in questo modo alla città che l’aveva emarginato la sua famiglia: Siena. Affidò così la ristrutturazione totale del paesino all’architetto Bernardo Rossellino, che in appena quattro anni, dal 1459 al 1462, definì l’aspetto armonioso e tipicamente quattrocentesco di quella che sarebbe stata Pienza. Nacque così quella che sarà nota come la Città d’Autore, la Città Ideale “nata da un pensiero d’amore e da un sogno di bellezza”, come scrisse Giovanni Pascoli. Pranzo libero (o in ristorante previa prenotazione).
Nel pomeriggio trasferimento al Tempio di San Biagio, appena fuori la cittadina di Montepulciano.
Il tempio di San Biagio fu edificato da Antonio da Sangallo il Vecchio tra il 1518 e il 1545 e rappresenta un capolavoro del Cinquecento toscano.

“La chiesa si colloca al centro di un prato pianeggiante e la sua posizione, fuori della città, in mezzo a un paesaggio straordinario, ne evidenzia la grandiosità. L’origine della chiesa è legata ad un fatto miracoloso avvenuto il 23 aprile 1518, quando due fantesche, Antilia e Camilla, e un contadino di nome Toto, passando dinanzi ad un affresco raffigurante la Madonna con il Bambino e San Francesco, abbiano visto la Vergine aprire e chiudere gli occhi, come se fosse viva. La chiesa della Madonna di San Biagio, con pianta a croce greca, cupola centrale e abside semicircolare, è affiancata da due campanili, di cui solo quello a sinistra risulta compiuto, ed è tutta in travertino.”

Al termine della visita guidata partenza per le località di origine. Rientro previsto in serata.


Luogo di partenza: Rieti, Terni


Giorno di Partenza:  1 marzo


Prezzo: 37,00


Incluso

bus per lo svolgimento dell’itinerario,

permessi bus,

vista guidata del Tempio di San Biagio

visita guidata di Pienza,

assicurazione medica,

accompagnatore Reate Tour


Non incluso

le spese di carattere personale,

biglietti di ingresso (circa 3,50 € )

pranzo

tutto quanto non espresso alla voce “la quota comprende”